DAx 22 agosto

Il movimento di oggi è stato dichiaratamente nervoso, una finta partenza up lasciava ben sperare, ma le solite boutade del Presidente usa, in chiare difficolta personali e politiche, hanno di fatto lasciato in riflessione gli investitori. Poteva essere prevedibile il movimento tecnico/ciclico, ottimo per l’operatività intraday, ma nulla che possa consigliare una linea di posizionamento sia pur di breve. Il range è ristretto, su livelli oramai noti, nelle corde puo e deve starci un tocco dei 12600/700, ma i margini analitici vengono via via ridimensionati o quanto meno resi prudenti, da una dinamica politica/commerciale che definirla in fibrillazione è riduttivo. Resta sullo sfondo la preoccupazione dei dazi anche sulle auto, resta la questione meridionale europea, da leggere come Italia, con tutte le implicazioni del caso in area euro, quindi si rimane prudenzialmente in attesa di chiari e significativi segnali, non solo grafici, ma sopratutto di indirizzo politico. Per la giornata di domani, restano in campo le stesse ipotesi, con i supporti prossimi e la trend line, passante in area 12290/300, che resta il baluardo vero. Aree interessanti sono la ripresa dei 12410 prima e 12450 dopo. Il nostro mib, ha rispettato il walzer, creandosi un area di massimo, sia pur sotto le aspettative, 20815 di futures, chiudendo poco sopra i minimi di giornata a 20665. Resta da scoprire in apertura, se quel minimo è stato sufficiente come base del buy day, oppure, sulla spinta eventuale delle aperture degli altri indici, si approfittera per ritornare in area 20500 circa, dalla quale si riprenderebbe con direzione 20860.

Mib ovvero questo derelitto

Una cosa che salta all’occhio immediatamente, come il nostro indice, sia scorrelato completamente dall’andamento ciclico dell’ eurostoxx. Balla su un area storicamente sparti acque, se violata, i livelli sono da far tremare i polsi. Non aiutano le dichiarazioni dei membri del governo, non aiutano le storture che vanno emergendo a seguito della catastrofe Genova, Non aiuta la situazione strutturale dell’economia nostrana.Il debito è noto, il pil stenta e certamente non brilla,anzi, quindi sinceramente prevedo un autunno bollente e piu si avvicinerà la data di scadenza del paracadute qe su titoli di stato, piu saremo in balia dei mercati. Il consiglio di restare flat è sacrosanto, forse ci si potrebbe accanire terapeuticamente, con posizioni speculative di brevissimo, ma solo in una direzione, ne vale la pena? Una chiosa per finire, si studia in sociologia il welfare, da anni, c’è un welfare anglosassone, c’è un welfare nord europeo, ed in ultimo uno tutto italiano, visto non come tipologia ma proprio come eccezione! Bene abbiamo assicurato un avvenire radioso alle prossime 10 generazioni di figli e nipoti.

Aggiornamento dax 20/8

 

nino dax

 

La dinamica in apertura sembra confermare la partenza del secondo meta trimestrale, del ciclo partito a fine giugno, una conferma in chiusura della ripresa della tl, violata la settimana scorsa, ci proietta in area 12600/700 coerentemente con la struttura ciclica. Le evoluzioni geopolitiche in Turchia è probabile facciano la differenza, la situazione è in itinere, costantemente monitorata da stati ed investitori, fortemente interessati ed esposti nell’area, a che si stabilizzi ragionevolmente in primis la tensione con Trump, ma anche alle decisioni appropriate di natura economica che il paese necessita, ma che Erdogan ritiene recessive.

Ciao a tutti

Ciao ragazzi, ringrazio Anna per aver creato questo splendido spazio, che certamente, per competenza e serietà, può diventare un luogo di confronto e apprendimento. Sono anni che trado e studio, un po come la storia della nostra “editrice” , passione, dedizione, testardaggine e migliaia e migliaia di ore sui grafici. Dopo tutto questo, ho imparato a mie spese (è giusto così) che non esiste alcuna ricetta magica, nessuna tecnica miracolosa e che i tanti soloni esperti, altro non sono, che sirene interessate. Riflettiamo: qual’è l’unica incognita che un trader può gestire? nessuna, che non sia la perdita che si è disposti a sopportare, in caso di errore nella propria analisi. Ne consegue, che lo stop loss è uno dei primi “componenti nozionistici” che bisogna non solo apprendere ma metabolizzare psicologicamente, con tutte le frustrazioni e delusioni che ne conseguono. Ho chiuso in stop ed il titolo è risalito, mannaggia! avrei potuto….forse…..la prossima volta….. ecco quali sono i naturali pensieri che sopraggiungono in queste situazioni. Bene,  questo è il primo passo verso la rovina, con ben piu ampie delusioni. Nulla cambia nel caso opposto e positivo, di una chiusura in gain anticipata, il target che l’ analisi o la ns propensione al rischio, ha deciso sia il livello di take profit del trade: se ho chiuso presto è sempre “troppo presto” e avrei guadagnato molto di piu, se ho chiuso al 1 ritracciamento, sono stato fortunato e bravo ed il mio ego diviene tronfio……troppo tronfio! Vendi guadagna e pentiti è il motto piu negativo, nella sua accezione assolutamente positiva, che è stato coniato! vendi e guadagna…punto, se ti pentirai, tante volte succederà, che il pentimento ti spingerà oltre, sempre piu oltre, sino a quando il mercato, lo stesso che ti ha premiato per la tua accortezza e prudenza, ti prenderà tutto oltre interessi, ma ti prenderà una cosa che nessuno puo restituirti o donare: il capitale psicologico ( cit. Gann). Subentra la paura e lo sconforto e nulla potrà cambiare questo stato. Bene, mi sono dilungato, ma lo ritenevo preambolo dovuto per condividere ciò che con il tempo e l’esperienza sono diventato. Siamo il parco buoi, un po piu sgamati, ma sempre quelli, quindi, partendo dal presupposto che la scienza non esiste, dobbiamo avere una visione globale di tutti gli strumenti a nostra disposizione, una sorta di cassetta del fai da te, e di volta in volta, tireremo, magari insieme, la tenaglia giusta per cavarci dai guai o per vedere se un cross o un indice, diviene leggibile, con pazienza (tanta) e lucidità, senza alcuna presunzione o saccenza, ricordando che le intelligenze artificiali, sono un miliardo di volte più veloci e furbi si noi tutti. Spero domani di avere qualche idea piu chiara sul dax, mentre sul fiber non aggiungo altro alla perfetta interpretazione del momento, fatta da Anna. Buona settimana a tutti.

Up ↑