Weidmann: Bce deve avviare senza ritardi ritiro stimolo monetario

BERLINO  – La Banca centrale europea dovrebbe procedere senza ritardi al ritiro delle misure di sostegno all’economia, essendo l’inflazione coerente con il proprio target. Lo dice il presidente della Bundesbank Jens Weidmann.

La chiusura del quantitative easing, che la Bce ha programmato per la fine di quest’anno, sarebbe solo il primo passo di un processo che potrebbe durare anni, ha detto Weidmann.

“E’ ora di iniziare a porre fine ad una politica monetaria ultra-espansiva e alle misure straordinarie, tenendo conto soprattutto dei possibili effetti collaterali”, ha detto Weidmann parlando con i giornalisti.

“Questo processo di normalizzazione avverrà probabilmente solo molto gradualmente nei prossimi anni. E questo è esattamente il motivo per cui bisogna iniziare senza ritardi indebiti”.

Weidmann, uno dei maggiori critici delle politiche ultraespansive portare avanti dalla Bce in questi anni, è finito sotto ii riflettori questa settimana: secondo il quotidiano Handelsblatt la cancelleriera Angela Merkel avrebbe rinunciato a promuovere la sua candidatura per la successione di Draghi alla guida dell’istituto centrale europeo. Merkel punterebbe ad mettere un tedesco alla guida della Commissione europea.

Il numero uno della Bundesbnak non ha fatto alcun riferimento alla successione di Draghi nei suoi commenti odierni.

(Fonte Reuters)

Posted by

E' il mio lavoro. Mi considero una privilegiata. Rientro nella categoria di coloro che "vivono" di trading. Si può fare, ma ci sono regole da rispettare.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.